lunedì 20 marzo 2017

Gerusalemme
Il Santo Sepolcro restaurato torna luogo di preghiera ecumenica
Vatican Insider
(Maria Teresa Pontara Pederiva) Quasi un anno di lavori sotto la direzione di Antonia Moropoulou, docente della National Technical University di Atene, che ha coordinato uno staff di circa 30 colleghi dei vari dipartimenti del Ntua, con la consulenza dell’architetto Osama Hamdan e del professor fra Eugenio Alliata, storico e archeologo, per l’intervento di restauro di natura conservativa relativo all’edicola che sovrasta il Santo Sepolcro a Gerusalemme, il luogo della tomba di Cristo, in assoluto il più santo e più importante per tutta la cristianità. (...)